Imbrattabit

Se ti hanno mai domandato "chi vince?" e hai avuto difficoltà a rispondere, allora questo blog fa per te.

Kickstarter strikes again: The Strange, Ryuutama e Corporia

Mentre in Italia si discute sull’opportunità di usare le piattaforme di crowdfunding per finanziare giochi di ruolo/tavolo all’estero sono già un bel pezzo avanti. Molti giochi lanciati su Kickstarter, come FATE Core o Numenera, hanno iniziato a brillare di luce propria, arricchendosi di supplementi ed espansioni proposti ad un ritmo serrato (anche troppo) fuori dalla suddetta piattaforma. Kickstarter intanto, continua ad essere sfruttato per proporre progetti nuovi, tra i quali emergono alcuni titoli per l’immediato riscontro o per il nome dell’autore coinvolto.

THE STRANGE

Monte Cook non si lascia scappare l’opportunità di battere il ferro finché è caldo. Fresco del successo di Numenera (ed in attesa del videogioco) e prima ancora che i suoi sottoscrittori si rendano conto di quanto potranno effettivamente giocarci (mi auguro tanto ma non è una cosa scontata), lo statunitense lancia un nuovo gioco: The Strange, che sfrutta lo stesso sistema del precedente blockbuster, nominato per l’occasione “Cypher System“.
Per ulteriori informazioni vi rimando alla prontissima segnalazione di Vodacce.

RYUUTAMA

ryuutama

Copertina di Ryuutama

Ryuutama – Natural Fantasy Role-Playing Game un gioco di ruolo giapponese (trpg) che sta sfruttando il crowdfunfding per finanziare un’edizione in inglese. La campagna, iniziata da poco, ha già superato l’obiettivo iniziale perciò saranno possibili nuovi stretch goal, non ancora annunciati. Il responsabile del progetto è quell’Andy Kitkowski, che ha già portato avanti con successo il progetto di Maid: The Role-Playing Game ma soprattutto l’interessante gdr Tenra Bansho Zero di cui ci ha parlato ampiamente Arioch (a cui va la parternità anche di questa segnalazione) nel suo blog. Il nome di Kitowski è stato evidentemente una garanzia e mi fa pensare come Kickstarter stia diventando un ottimo strumento per localizzare quei giochi che sono ignorati dagli editori, pur avendo un buon potenziale.
Ryuutama è stato creato dal giapponese Atsuhiro Okada e meravigliosamente illustrato da Yuki Mizusaka che nel tratto è stata accostata al maestro Miyazaki (e sono d’accordo con l’idea). Il gioco ha le classiche connotazioni dei giochi giapponesi, di cui non sono personalmente un grande estimatore per via dei jrpg che ne hanno snaturato il significato, ma presenta anche alcuni aspetti interessanti. Ryuutama ispira il feeling morbido ed evocativo che contraddistingue i giochi definiti “honobono“, ovvero caratterizzati dai “buoni sentimenti”, rassicuranti e pacatamente bucolici, molto utilizzati nei film dello studio Ghibli.
Ryuutama, che è gratuitamente disponibile in giapponese per il download, significa “uovo di drago” ed è ambientato in un mondo fantasy classico (che i giapponesi chiamano giustamente “occidentale”) dove quattro draghi conferiscono poteri speciali a persone che, in condizioni normali, sarebbero solo PNG (un panettiere, un contadino, ecc…) e che ad un certo punto della vita, decidono di intraprendere un misterioso viaggio verso terre inesplorate, diventando a poco a poco qualcosa di diverso. I personaggi sono accompagnati in questo viaggio da una figura-guida chiamata Ryuujin (PNG del master) che funge da tramite tra i giocatori ed i succitati draghi, aiutandoli con interventi mirati ma sporadici.

Il gioco si concentra sull’esplorazione, il sense of wonder e la soluzione di enigmi ma la magia ed il combattimento sono comunque presenti. Quest’ultimo si risolve con un sistema che ricorda moltissimo i jrpg a turni, tanto che il gioco prevede un’apposita plancia.
Le meccaniche sono abbastanza semplici, si basano su 4 caratteristiche (forza, destrezza, intelligenza e spirito) misurate attraverso uno specifico dado (come in Savage Worlds) che sono sempre usate in coppia per superare i test in modalità roll over su TN (per esempio per scalare si usa forza+destrezza, per ricordare qualcosa intelligenza+intelligenza). Il gioco prevede poi, sette classi che conferiscono capacità particolari ed altri dettagli di caratterizzazione, ma gli elementi che più distinguono Ryuutama dai giochi tradizionali sono:
– Il wordbuilding condiviso: ogni partecipante contribuisce a definire quale zona verrà esplorata (qualcuno ha detto Dungeon World?).
– Il viaggio è il tema principale: si guadagnano xp principalmente viaggiando e i giocatori sono chiamati ad una attenta gestione di risorse ed equipaggiamento, che è dotato di attributi che ne definiscono le qualità (simili ai tag del già citato DW).
– Ogni personaggio ricopre un ruolo specifico nel gruppo (comandante, cartografo, furiere, ecc…) come già visto, ad esempio, in Torchbearer.
– il Ryuujin, di cui abbiamo già parlato (una sorta di Gandalf), e 4 modalità di gioco ispirate ad ognuno dei 4 draghi.

Insomma, pur apprezzando giochi più “pulp”, diretti ed efferati, Ryuutama promette di essere interessante, anche perchè fonde alcuni aspetti dei giochi tipicamente indie ad un impianto di tipo tradizione (compresa la golden rule o regola zero che dir si voglia), il tutto immerso in un clima atipico e leggero.
Per l’occasione è stato creato anche un sito in inglese con tutti i dettagli del caso ed una preview del manuale.

CORPORIA

Dalla penna del veterano dell’industria ludica Mark Plemmons, già vincitore di Origins e ENnies, nasce questo gioco di ruolo che promette di unire Camelot con il moderno tema corporativo: Corporia.  La descrizione del gioco cita letteralmente ” un GDR urban-fantasy ambientato nell’immediato futuro dove redivivi Cavalieri di Camelot combattono mostri, magia e mega-corporazioni”.
Ok, descritto così potrebbe sembrare un minestrone (freddo), infatti, a differenza dei due titoli già citati, la campagna di lancio è ferma ad un quarto dell’obiettivo, tuttavia ho dato uno sguardo alle prime pagine già rilasciate e questo miscuglio di generi, che annovera tra le fonti ispiratrici anche le serie televisive Torchwood ed Angel ed i giochi di ruolo Cyberpunk e Shadowrun, sembrerebbe gestito in maniera interessante.

“Il mondo sta scivolando nel caos, ed è tutta colpa tua”
(incipit)

Le megacorporazioni governano il mondo a colpi di sfruttamento, condizionamento e coercizione, alimentando la peggiore delle distopie. A rendere le cose ancora più precarie e pericolose, il ritorno dei cavalieri sulla Terra, ha provocato un breccia extradimensionale scatenando la comparsa di fenomeni magici che hanno generato aberrazioni mostruose e dato vita a fenomeni soprannaturali che hanno preso il controllo della tecnologia. Così in bilico tra l’ordine forzato delle corporazioni ed il caos della magia, i cavalieri sono chiamati a rimettere le cose a posto unendosi al CEO Lancillotto ed all’intelligenza artificiale chiamata M.E.R.L.I.N.O., in attesa di ritrovare uno scomparso Re Artù.
Le meccaniche (chiamate GRAIL system)  mi sembrano tradizionali e non eccessivamente innovative (roll over TN) ma tuttavia abbastanza solide da non impensierire un giocatore di ruolo abituale. Sono previsti 13 archetipi e regole per gestire sia la magia (molto personalizzabile) che gli hackeraggi. Interessante il fatto che gli hacker possono portare i compagni con loro durante le operazioni di netrunning, evitando inutili separazioni durante le sessioni,
Ammetto di essere sensibile alla tematica aziendale (il capitolo della creazione del PG si chiama “Risorse Umane”), vedremo se l’idea catturerà l’immaginario di altre persone.

Advertisements

10 commenti su “Kickstarter strikes again: The Strange, Ryuutama e Corporia

  1. Neddo
    5 novembre 2013

    ovviamente i francesi avevano in ballo la traduzione da più di un anno e mezzo prima … http://it.ulule.com/ryuutama/

  2. vodacce
    6 novembre 2013

    io odio i francesi…comunque più leggo di Ryuutama, più sbavo come un bambino di fronte alla nutella. P.s a parte catthulhu http://www.playtoday.it/2013/10/25/essen-peek-catthulhu/ questo sarà il gdr definitivo 🙂

    • Imbrattabit
      6 novembre 2013

      a me piacciono più che altro per la cretatività e la cura visiva… i regolamenti non sono il massimo ma sono comunque molto professionali. Catthulhu m’ispira 😉

      • vodacce
        6 novembre 2013

        il mio odio “scherzoso” per i francesi è dettato dall’invidia. l’anno prossimo avranno sia Riyuutama che 13th age nella loro lingua…..

  3. Imbrattabit
    6 novembre 2013

    Ryuutama ha le carte in regola per essere portato in Italia… magari….

  4. Pingback: Aggiornamenti 13th Age | Cronache del gatto sul fuoco

  5. Pingback: Aggiornamenti novembre 13th Age | Blog di cronachedelgattosulfuoco

  6. Pingback: Aggiornamenti novembre 2013 (13th Age)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 5 novembre 2013 da in Italiano, Notizie con tag , , , , , , , .
middlequest

Se lo puoi raccontare, esiste.

Chris B. Ware's Blog

my voice experiments ...

The GreyWorld Blog

Gaming with Savages

Novanta minuti - A roleplaying game by Matteo Turini

A roleplaying game about the relationship between a father and a son, and what could be their last chance to meet.

Come Non Detto

il blog di Leo Ortolani, che ci teneva tanto, bisogna capirlo

Tapirullanza

Una vetrina di narrativa curiosa

Fortezza Nascosta

Guerre, botte e narrativa

Ferro e Fuoco

Metodo, tecnica, fantasia.

Il Sociopatico

The whole premise is silly, and it's very badly written.

Cronache Spadiane

idee che nascono e viaggiano. che vibrano e volteggiano, come spade a bersaglio entrano.

Universi GdR

Costellazioni, piani, pianeti, continenti, paesaggi e città fantastiche...

amo il web, non ricambiato

Aneddoti e piccoli incidenti del mondo digitale italiano.

Kata Kumbas

Giochi di ruolo bellissimi

Solace of Savagery

RPG's and Other Waking Dreams

Games & Business

Where business became fun

solospelunking

A chronicle of my solo rpg endeavours

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: